El Tigre

Archeologia Maya > Campeche > Campeche

Scaricalo Scaricalo Scaricalo

CatturaloCatturalo

Chiudere

Condividilo

Il porto fluviale più importante tra Petén e la costa di Campeche.

El Tigre è conosciuto anche come Itzamkánac, fu la capitale del possedimento maya di Acalán, che d’accordo con fonti del XVI sec. è considerato come il mercato pubblico più importante del mondo maya. Il suo periodo d’installazione va da metàPré-Classico fino al protostorico. Si trova al sud-ovest dello stato di Campeche, nel municipio di Candelaria, a 40 km del paese dallo stesso nome.

Lo stile è integrato da sei gruppi architettonici, la esplorazione di edifici nell’area centrale non ha mostrato uno stile definito, peròsì una piazza cerimoniale di più di 200 m di lunghezza chiusa da un basamento piramidale e maschere antropomorfe del Pré-Classico.

El Tigre si estende su una collina dell’argine sinistro del fiume Candelaria, comprendendo un’area di circa 5 km quadrati. Il centro cerimoniale consta di 4 grandi strutture e 6 di minori dimensioni, 2 piazze, 13 altari e tre lapidi di pietra liscia. Chiama l’attenzione l’assenza di uno stile architettonico definito, perché le quattro strutture principali sono molto diverse tra loro, anche se esiste una perfetta progettazione dello spazio centrale.

La Struttura I chiude la piazza al lato sud, la Struttura II al lato est e al lato ovest la Struttura III che assieme alla IV, forma la seconda piazza. La Struttura I è formata da una grande piattaforma di 149 m. di lunghezza, 132 m. di larghezza e 9 m di altezza, sulla quale sicollocarono 4 piccole strutture, alle quali si diede il nome di piattaforme, e al fondo si innalza una piramide di 23 m di altezza, con una scalinata centrale.

Si sono localizzati 3 giochi della palla, uno di fronte alla struttura I; un altropiù piccolo localizzato a 200 metri a nord e il terzo nel Sacbé, sezione che ancora non è stata esplorata.

La storia indica che verso l’anno 1525, Hernan Cortes, saputa la importanza commerciale del porto, lo visitò nella marcia verso Honduras. Per proseguire il suo viaggio aprì sentieri e fabbricò grandi ponti di legno dei quali, il cronista Villagutierrez verso l’anno 1700 scrisse: “Que algunos de ellos permanecen y se llaman los puentes de Cortes”.

Orario
Dal lunedì alla domenica dalle 8:00 alle 17:00
Tariffe
35 pesos
Come arrivare

Si trova a sud-est dello stato di Campeche nel municipio di Candelaria, a 40 km dal paese dallo stesso nome. L’accesso si può realizzare in barca, partendo dal paese di Candelaria sul fiume dallo stesso nome, o meglio, per strada, sul cammino Escárcega-Villahermosa, all’altezza del paese Nuevo Coahuila, prendendo la strada verso Monclova (km 13.5), che conduce direttamente al sito. Dalla capitale dello stato, a 40 km da Candelaria, y a 500 metri dal paese con lo stesso nome.

Galleria

Cartina e indirizzo

mapa
Dalla capitale dello Stato, a 40 chilometri da Candelaria, e a 500 m dal paese dallo stesso nome.